TITOLO ORIGINALE:
  • Muteki Kōjin Daitarn 3
  • 無敵鋼人ダイターン3, Hepburn: Muteki Kōjin Daitān Surī
  • Daitarn 3, l'invincibile uomo d'acciaio
  • TITOLO ITALIANO:
  • Daitarn 3
  • L'imbattibile Daitarn 3
  • ANNO:
  • 1978
  • MESSA IN ONDA:
  • Dal 3 giugno 1978 al 31 marzo 1979
  • EPISODI:
  • 40
  • PRODUZIONE:
  • Nippon Sunrise
    (株式会社日本サンライズ, Hepburn: Kabushiki-gaisha Nippon Sanraizu)
  • SOGGETTO:
  • Hajime Yatate
    (矢立 肇, Hepburn: Yatate Hajime)
  • Yoshiyuki Tomino
    (富野 由悠季, Hepburn: Tomino Yoshiyuki)
  • CHARACTER DESIGN:
  • Norio Shioyama
    (塩山 紀生, Hepburn: Shioyama Norio)
  • Tomonori Kogawa
    (小国 一和, Hepburn: Kogawa Tomonori)
  • MECHA DESIGN:
  • Kunio Ōkawara
    (大河原 邦男, Hepburn: Ōkawara Kunio)
  • MUSICHE:
  • Takeo Watanabe
    (渡辺 岳夫, Hepburn: Watanabe Takeo)
  • Yūshi Matsuyama
    (松山 祐士, Hepburn: Matsuyama Yūshi)
  • OPENING:
  • COME HERE! Daitarn 3
    (カムヒア! ダイターン3, Hepburn: Kamuhia! Daitān Surī, trad. Vieni qui, Daitarn 3!)
    cantata da Makoto Fujiwara (藤原 誠, Hepburn: Fujiwara Makoto)
  • ENDING:
  • Tango de Toppo
    (タンゴでトッポ, trad. Il tango di Toppo)
    cantata dai Koorogi '73 (こおろぎ'73)
  •  

     
    In un prossimo futuro, le conquiste spaziali dell’uomo arriveranno fino alla colonizzazione del pianeta Marte. Qui verranno istituiti diversi centri di ricerca fra i quali quello diretto dal Dottor Sōzō Haran, che dopo anni di studio riuscirà a creare una razza di cyborg, i Meganoid [1], il cui obbiettivo primario era quello di poter assistere la razza umana nella colonizzazione dello spazio oltre il sistema solare. L’intelligenza dei Meganoid, complici anche le ossessive ricerche del Dottor Haran — maniacali al punto che lo scienziato trasformerà in cyborg pure il suo primogenito — si rivolterà tuttavia contro lo scienziato che rimarrà vittima della sua creazione insieme alla sua famiglia, permettendo così all'intera razza cibernetica di dominare l'intero Pianeta Marte e continuare ad evolversi autonomamente. Allo sterminio della famiglia Haran sopravvivrà soltanto il figlio più piccolo, il diciottenne Banjō, il quale grazie al sacrificio di sua madre e di alcuni membri della resistenza umana, riuscirà a fuggire da Marte trafugando il Masarocket, enorme nave spaziale con a bordo un consistente carico d’oro e un potente super robot: il Daitarn 3. Il piano di conquista dello spazio a parte dei Meganoid prevede anche conquistare la Terra e trasformare i suoi abitanti, destinati ad essere trasformati in cyborg pronti a servire il suo imperatore Don Zouther [2] e il suo braccio destro Koros. Il compito di catturare gli esseri umani, vengono affidati agli alti gradi della gerarchia militare dei Meganoid, i Kommander, un tempo anch'essi esseri umani, ma votati alla causa meganoide di propria volontà. I Kommander hanno anche una facoltà speciale che li rende diversi dai semplici soldati. Attraverso la Macro Machine infatti, essi possono trasformarsi in Megaborg, giganti robot da combattimento che si scontreranno con Banjō e il Daitarn 3. Alcuni di loro si riveleranno guerrieri molto tenaci, ma la forza di volontà e l’odio infinito di Banjō verso la creazione di suo padre, permetteranno al Daitarn 3 di uscirne sempre vincitore. Nella sua guerra contro i Meganoid, Banjō potrà inoltre contare sul supporto di suoi quattro fedeli alleati: il suo maggiordomo Garrison Tokida, capace anche lui di pilotare con abilità il Daitarn 3 e il Mach Patrol — automobile trasformabile in aereo e che si inserisce all’interno del Daitarn 3 — Beautiful Tachibana, 17 anni, assistente di Banjō e figlia del presidente della Tachibana Conglomerate che finanziarono a suo tempo le ricerche di Haran per la creazione dei cyborg; Reika Sanjō, 17 anni ma già abilissima agente dell’Interpol che dopo l’assassinio di un suo collega durante una missione si unisce al gruppo di Banjō come sua assistente — entrando inevitabilmente in competizione con Beauty per la conquista del cuore di Banjō — infine il piccolo Totta Toda [3] (soprannominato Toppo) ragazzino che ritrovatosi separato dai genitori, si unisce alla causa di Banjō. Nel corso della storia, il protagonista incontrerà spesso personaggi che hanno avuto a che fare con il suo passato, disertori da salvare dalla caccia spietata dei Meganoid o pericolosi Kommander da sconfiggere in duelli all'arma bianca. Nel momento in cui Koros deciderà di scagliare Marte contro la Terra, giungerà anche il tanto atteso contrattacco finale di Banjō, che dopo aver addestrato i suoi più fedeli alleati, si preparerà al suo ritorno sul pianeta rosso. La sconfitta di Koros risveglierà Don Zouther dopo oltre un anno di stand-by e l'imperatore dei Meganoid in persona deciderà di affrontare personalmente il Daitarn 3 in una battaglia senza esclusione di colpi che vedrà Banjō uscirne vincitore proprio grazie alla voce della persona da lui più odiata: quella di suo padre. La distruzione della razza Meganoid — non totale, poiché i disertori decideranno di vivere sulla Terra e riprendere in mano il proprio destino — riporterà la pace sulla Terra e per il gruppo di eroi non rimane altro che tornare alle proprie mansioni quotidiane. Beauty ritornerà dalla sua famiglia, Toppo deciderà di viaggiare per il mondo, Reika tornerà nelle fila dell'Interpol e anche il fido Garrison abbandonerà sotto una triste pioggia la casa di Banjō. In lontananza le luci della sua villa rimangono accese, ma solo per un breve istante prima che il sipario cali definitivamente sulla storia.
     

     
    01 – L’arrivo di Haran Banjo
    02 – La sfida del comandante Neros
    03 – Il collezionista traditore
    04 – Con l’aiuto del sole
    05 – Un bambino in pericolo
    06 – L’invito del dottor Animad
    07 – La strategia di Toppy
    08 – La caduta del comandante Jira
    09 – Lo strano inseguitore
    10 – Le luci della ribalta
    11 – Il leggendario Nibelgen
    12 – La lontana stella dorata
    13 – Circondati dai megaborg!
    14 – Banjo vola nell’aurora
    15 – Koros e Zenoia
    16 – Il triste canto dei Blubeller
    17 – L’amore di Reika
    18 – L’uomo perduto nella Via Lattea
    19 – Operazione terra a fette!
    20 – Koros non sa uccidere
    21 – La musica alla conquista di Banjo
    22 – Stella fra le stelle
    23 – Avvolti dalle fiamme ardenti
    24 – L’odio per i funghi
    25 – La vita e la vorte dell’ammiraglio
    26 – Io e il comandante Milena
    27 – Un asso dal passato
    28 – L’unione fa la forza
    29 – Danza, cigno, nel mio cuore
    30 – Il cavallo di Russian
    31 – Il valore della bellezza
    32 – Mirate alla bandiera
    33 – Banjo nella terra del mistero
    34 – L’attacco delle macchine
    35 – Ai confini dell’amore
    36 – Il sogno del passato
    37 – Una seconda possibilità potrà cambiare le cose?
    38 – Alla ricerca dell’energia eterna
    39 – Beauty, poesia d’amore
    40 – Daitarn scompare nell’aurora
     

     
    Banjō Haran
  • Hirotaka Suzuoki
    (鈴置 洋孝, Hepburn: Suzuoki Hirotaka)
  • Renzo Stacchi
  • Massimo De Ambrosis
  • Garrison Tokita
  • Kōichi Kitamura
    (北村 弘一, Hepburn: Kitamura Kōichi)
  • Gino Donato
  • Luciano De Ambrosis
  • Beautiful Tachibana
  • Kako Mizuno
    (水野 カコ, Hepburn: Mizuno Kako)
  • Rosalinda Galli
  • Georgia Lepore
  • Reika Sanjō
  • You Inoue
    (井上 瑤, Hepburn: Inoue You)
  • Mariù Safier
  • Silvia Tognoloni
  • Totta Toda
  • Fuyumi Shiraishi
    (白石 冬美, Hepburn: Shiraishi Fuyumi)
  • Simone Crisari
  • Riccardo Rossi
  • Don Zouther
  • Masato Yamanouchi
    (山内 雅人, Hepburn: Yamanouchi Masato)
  • Vittorio Di Prima
  • Nino Prester
  • Koros
  • Mieko Nobusawa
    (信沢 三恵子, Hepburn: Nobusawa Mieko)
  • Antonia Forlani
  • Pinella Dragani
  •  

     
  • L'opera è la prima a presentare un super-robot dotato di mimica facciale.
  • L'episodio 22 dell'opera vede tra i guest character la presenza di Kiiro Kamie, fratello minore di Uchūta Kamie, protagonista del primo capitolo della Muteki Series, Muteki Chōjin Zambot 3.
  •  
     
    [1] Meganoidi nell'adattamento italiano.
    [2] Don Zauker nell'adattamento italiano.
    [3] Toppy nell'adattamento italiano.
     
    MUTEKI KŌJIN DAITARN 3 © 1978, SUNRISE INC.